Quattro destini per Ferguson: la scatola magica di Paul Auster

Un gioco di scatole cinesi. Una matrioska in cui i pezzi sono quattro romanzi diversi ma con lo stesso protagonista e gli stessi personaggi. A cambiare ogni volta è il destino. In “4321” di Paul Auster l’attore principale è Archie Ferguson, che vive quattro esistenze raccontate in quattro lunghi segmenti del romanzo. A seconda del caso, delle scelte, delle combinazioni, Ferguson diventa ogni volta quattro persone diverse con vite simili ma dagli sviluppi opposti, in cui unico punto fermo è l’amore per Amy. Lo vediamo crescere con o senza padre. Morire prematuramente o diventare brillante studente. Aggrapparsi all’amore per Amy o lasciarsi travolgere dalla confusione sessuale. Ogni volta è lo stesso ragazzo americano che messo davanti alle “sliding doors” della vita diventa (o non riesce a diventare) qualcosa di completamente diverso. Un labirinto vero e proprio. Questo libro di Auster può essere letto infatti in due modi: come un unico romanzo, seguendo la numerazione delle pagine e mettendo in conto sforzi di memoria per ricordare i vari avvicendamenti di trama; oppure come quattro romanzi diversi, rifacendosi semplicemente ai paragrafi. Noi abbiamo preferito la prima lettura, complicata e a volte snervante. Ne è venuto fuori il ritratto complesso non solo di un personaggio e di una esistenza che cambia a seconda dei diversi voleri del destino. Ma anche dell’America, raccontata attraverso alcune sue tappe storiche cruciali (le proteste studentesche, la liberazione sessuale, la segregazione razziale, l’attentato a Kennedy). Un affresco imponente per lettori pazienti. “4321”
Paul Auster
Einaudi
939 pagine
25 euro


Tag:
Copyright 2018. All rights reserved.

Posted maggio 28, 2018 by librosaura in category "Uncategorized

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *